5 consigli di mindful eating da mettere in pratica durante le vacanze

5 consigli di mindful eating da mettere in pratica durante le vacanze

Pronti per la vostra estate mindful? Qui vi avevamo raccontato che cos’è il mindful eating, ovvero un nuovo approccio tra cibo, consapevolezza ed emozioni.

La dottoressa Noli, esperta di questa particolare filosofia legata all’alimentazione e agli stili di vita, ci vuole regalare alcuni preziosi consigli da mettere in pratica durante le vacanze per mangiare in maniera diversa, più consapevole, senza restrizioni o imposizioni di regimi dietetici impossibili da mantenere.

Ecco allora i 5 consigli di mindful eating suggeriti dalla dottoressa Noli per le vostre vacanze!

Dottoressa, può darci 5 consigli pratici di mindful eating da seguire nel corso delle vacanze?

Prima di tutto, l’approccio generale verso un periodo di vacanza dovrebbe essere, a maggior ragione, sempre quello di prenderci cura di noi avendo più tempo e più possibilità per farlo e non quello di “mi lascio andare completamente”. Non dovere rispettare gli orari della sveglia mattutina o non doversi vestire in un certo modo perché il nostro lavoro lo richiede ci fa sentire più liberi e questo è positivo. Portiamoci i principi del mindful eating in vacanza con noi, va tutto a nostro vantaggio!

Relax in vacanza

Il primo consiglio che mi sento di dare è quindi quello di rilassarsi, ma non esagerare nel “lasciarsi troppo andare” per quanto riguarda il cibo. Mangiare senza freni e senza attenzione alla qualità di ciò che si consuma non va nella direzione di vivere appieno la vacanza.

Visitare luoghi diversi e provare nuove specialità (o quelle del posto) è il mio secondo consiglio: questo fa parte del desiderio di conoscere le tradizioni culinarie e dell’esperienza di un viaggio. È importante non essere impazienti e voler assaggiare tanti piatti tutti insieme. Avendo qualche giorno a disposizione, possiamo dosare meglio questi assaggi partecipando con tutti i sensi e cercando di individuare gli ingredienti. In questo modo li apprezzeremo anche molto di più!

Attività e sport in spiaggia

Il terzo consiglio è poi quello di divertirsi con tutte le attività che abbiamo a disposizione durante la nostra vacanza. Spesso c’è l’intento di “far fruttare i soldi spesi” approfittando il più possibile solo ed esclusivamente dell’offerta di cibo. Proviamo invece ad usufruire delle altre possibilità che ci vengono offerte: nuotare al mare o in piscina; unirci alle esperienze di sport e discipline organizzate come yoga, ginnastica in acqua, tiro con l’arco, ecc.; praticare attività sulla spiaggia o dedicarsi alle escursioni… L’idea è quella di tornare dalle vacanze e avere come ricordo, a volte quasi esclusivo, non quanto e cosa abbiamo mangiato ma le nuove esperienze che abbiamo vissuto, le persone che abbiamo incontrato, i luoghi che abbiamo visitato.

Una cosa da non fare – ed ecco il quarto consiglio di mindful eating – è partire con l’idea che “tanto in vacanza aumento sempre qualche chilo”: questo già significa avere un atteggiamento piuttosto passivo verso le situazioni che andremo ad affrontare. Meglio vivere con curiosità una nuova esperienza, con il desiderio di apprezzarla al momento e di conservarne un buon ricordo anche dopo.

Convivialità a tavola

Infine, nell’eventualità in cui avessimo iniziato un percorso di dimagrimento, la vacanza non andrebbe vista come una “vacanza dalla dieta”, ma come un modo per testare la nostra maggior consapevolezza in un contesto diverso. Quindi il quinto consiglio è cercare sempre uno stimolo nuovo per riuscire ad adattarsi al meglio alla situazione che si sta vivendo. In questo caso l’obiettivo, durante le vacanze, dovrebbe essere solo quello di mantenere il peso, per poi riprendere un programma specifico (se necessario) al rientro con maggiori motivazioni”.

 

 

Tags

Benessere

Share