Oltre la soia…

Un viaggio tra i prodotti vegetali alternativi alla soia: dai semi di canapa fino ad alcune tipologie di alga per scoprire tutti i benefici di una dieta ricca di benessere!

È famosa fin dall’antichità, quando i cinesi la introdussero nella loro dieta e tra le cinque piante sacre, insieme a riso, frumento, orzo e miglio, e famosissima ancora oggi, in particolare come indiscusso sostituto vegetale alle proteine. Stiamo parlando della soia, pianta originaria dell’Asia orientale e appartenente alla famiglia delle leguminose, negli anni è divenuta un prodotto apprezzato soprattutto per le sue qualità organolettiche.

Ricca di proteine vegetali, non contiene colesterolo ed è fonte di fibre e minerali, come calcio, fosforo e potassio, ma dopo anni di dominio indiscusso e incondizionato nei sostituti vegetali, si inizia a registrare un rallentamento del suo utilizzo a favore di nuovi alimenti.

Sicuramente, tra gli ingredienti fonte di proteine che si possono considerare alternativi alla soia ci sono:

  • semi di canapa
  • zucca
  • avocado
  • semi di anguria
  • alga clorella dorata.

 

Conosciamo allora più a fondo quelli che forse ci risultano meno comuni, come i semi di canapa e la clorella dorata. Partiamo dai primi e scopriamo che il loro valore nutrizionale è davvero completo e unico rispetto ad altri alimenti di origine vegetale. Infatti, sono composti per il 25% da proteine, ma in una combinazione che risulta eccezionale in quanto formata da tutti gli otto aminoacidi essenziali alla sintesi proteica.

Non è un caso che vengano definiti alimenti proteici completi!
Inoltre, in cucina questi semi hanno un sapore molto gradevole e risultano facili da digerire, per questo vengono utilizzati soprattutto per arricchire insalate e piatti a base di verdure, ma anche come preparazione per biscotti e dolci, pesti e salse varie.

Quando parliamo di alternative alla soia non possiamo non parlare della clorella dorata, un’alga composta per la maggior parte di proteine di alta qualità, come gli amminoacidi, che rendono il suo potenziale curativo estremamente unico ed eccezionale. Sarà per questo che viene definita il superfood dell’antichità, considerando che quest’alga è tra le forme di vita più antiche che conosca il nostro pianeta.

Con circa l’1 o 2% del loro peso composto di clorofilla pura, la clorella dorata viene annoverata tra i migliori alimenti naturali con proprietà depurative ed è conosciuta, in particolare, per le sue proprietà di smaltimento di metalli pesanti e tossine. Ahinoi, a differenza dei semi di canapa, il sapore dell’alga può risultare non molto gradevole: il nostro consiglio è di usarne in piccole quantità e di abbinarla come ingrediente per frullati a sapori decisi come il cioccolato, la mela o il limone. E ricordate che più il frullato viene gustato freddo, meno le papille gustative avvertiranno il sapore di “mare” che caratterizza questo speciale superfood!

Non possiamo concludere questo articolo senza dedicarci un po’ di dolcezza, ecco allora i semi di anguria. Tanto perfetto è il frutto per alleviare il palato dall’arsura della stagione estiva, tanto perfetti sono i suoi semi per il nostro benessere. Ricchi di fibre e antiossidanti, rappresentano anch’essi un’importantissima fonte di proteine: pensate che un etto di piccoli semi conta circa 35 grammi di proteine. Ideali, quindi, per il palato, ma anche per il nostro organismo!

 

Proprietà alimenti