We love Espadrillas!

Dal gusto vintage ma sempre attuali e con un plus che strizza l’occhio alla sostenibilità: stiamo parlando delle Espadrillas, un classico dell’estate che non passa mai di moda.

Oggi come ieri, sono i dettagli a fare la differenza e se il dettaglio in questo caso si chiama Espadrillas, allora acquista ancora più valore. Se sulle origini di questa calzatura tipica dell’estate, ci sono diverse teorie che non sempre coincidono, sono invece tutti d’accordo nell’affermare che si tratti di un accessorio che ha segnato e continua a segnare i must have della moda estiva.

Nei primi del Novecento venivano usate esclusivamente dai contadini spagnoli, in particolare della Catalogna e dei Paesi Baschi. Fu poi dall’incontro tra quelli che oggi sono due brand famosi della moda, come Castañer e Yves Saint Laurent, che l’espadrillas si dota anche di zeppa per divenire un accessorio che oggi definiremmo senza tanti giri di parole “cool”.

Intorno agli anni Quaranta del secolo scorso, dall’Europa iniziarono a diffondersi anche all’estero per riscuotere un enorme successo soprattutto negli Stati Uniti e tornare sorprendentemente in voga nel corso degli anni Ottanta, grazie alla famosa serie televisiva di Miami Vice, i cui protagonisti non erano affatto immuni al loro fascino.

 

Indossabili sia dagli uomini che dalle donne, possono presentarsi nei più svariati colori e nelle fantasie tipiche dell’estate (fiori, righe, e tanto altro); sono realizzate in tela con la suola di juta. La loro lavorazione è tipicamente artigianale, in particolare, le suole di juta sono la parte di lavorazione più complessa, in quanto le fibre vengono prima intrecciate insieme meccanicamente, quindi la treccia viene messa con un trattamento termico in uno stampo a forma di suola (che può variare e creare quindi anche differenti modelli), dopo di che viene fissata con punti di cucitura verticali e il tessuto viene cucito sulla suola.

Dagli scenari vintage delle coste spagnole a quelli californiani, fino ai nostri anni Duemila, il viaggio è stato lungo ma non meno affascinate: non a caso ancora oggi questa calzatura continua a far parlare di sé come accessorio di moda e come scelta di stile sostenibile.

lifestyle