LINDY HOP, per un ballo a prova di sorriso!

LINDY HOP, per un ballo a prova di sorriso!

Volete mantenervi in forma ballando e soprattutto coltivando il buonumore? Allora scopriamo insieme tutte le belle cose che si dicono intorno a un ballo dal gusto vintage ma sempre più contemporaneo…

Improvvisazione, sorriso, nostalgia di un secolo ormai passato e tanta tanta allegria … Stiamo ovviamente parlando del Lindy Hop, uno tra i balli più in voga in questi ultimi anni, perfetto per tenersi in forma e vivere momenti all’insegna della musica e della socialità. Una moda esplosa in Italia ormai da oltre un lustro, ma che affonda le sue radici in un contesto storico e culturale ben lontano dall’attuale.

Erano gli anni Venti e Trenta del Novecento, quelli a cavallo tra la grande depressione e la seconda guerra mondiale, e ci troviamo ad Harlem, New York, dove questo genere nacque e da dove fu diffuso in tutti gli Stati Uniti per sbarcare poi in Europa e in Italia dopo la Liberazione avvenuta da parte degli anglo americani. A far ballare i tanti appassionati di ieri e di oggi c’è la musica swing, un genere musicale nato a cavallo tra gli anni Trenta e Quaranta del secolo scorso, un momento in cui il Lindy Hop ha rappresentato un vero e proprio fenomeno di massa: erano centinaia e senza distinzione di età, razza e sesso gli appassionati che affollavano le ballroom americane.

Oltre a un nuovo genere di ballo, il Lindy Hop ha rappresentato un vero e proprio esempio di integrazione culturale tra bianchi e neri, in un momento in cui vigeva il razzismo e l’emarginazione.

Lindy Hop la nuova tendenza dell'estate per tenersi in forma ballando

Oggi, è un fenomeno globale che coinvolge appassionati e cultori in tutto il mondo: può essere ballato su tempi lenti e veloci ed è perfetto per tutte le età e per tutti i livelli di allenamento fisico. Così come la musica Jazz, il Lindy Hop prevede un alto livello d’improvvisazione, questo significa che non esistono solo passi definiti o coreografati: nell’ambito degli appassionati si dice, infatti, che i migliori ballerini siano proprio quelli che sanno improvvisare mentre ballano.

Una delle poche regole certe che vigono parlando di Lindy Hop è che si deve necessariamente ballare in coppia, ma anche in questo caso, il Lindy si caratterizza per l’assoluta libertà di espressione delle ballerine, che non sono bloccate nel movimento predefinito e ordinato dal ballerino. “Quando due ballerini si possono nutrire l’un l’altro di movimenti e stili improvvisati, si crea una relazione di “chiamata e risposta”, un vero e proprio dialogo, esattamente come succede nella musica Jazz”.

Intorno all’ambito del ballo vero e proprio, si è sviluppato un ambito che potremmo definire di “cultura swing” e che va dagli abiti indossati alle pettinature, rigorosamente anni Trenta e Quaranta, fino alla musica, che comprende un vasto genere che va dal jazz allo swing e che fa da colonna sonora a eventi a tema, festival e workshop tenuti dai migliori ballerini del mondo.

Se volete saperne di più, approfondire è facile: in rete esistono infatti tantissimi portali dedicati a questo genere di ballo e a tutto l’universo che di questo intrattenimento si nutre. Uno su tutti, lindyhop.it, il primo sito in Italia interamente dedicato agli eventi che fanno capo al genere. C’è chi dice di essere appassionato da anni e chi di aver iniziato per caso: tutti sembrano comunque essere accomunati dal non poter più fare a meno delle emozioni che genera una serata all’insegna della sana allegria e del ballo scatenato… Provare per credere!

Share