I ritiri del benessere

Non solo meditazione e non solo SPA, i ritiri di benessere sono tra le tendenze più in voga degli ultimi anni e offrono sempre più idee creative e variegate per raggiungere il tanto desiderato equilibrio tra mente e corpo: scopriamone alcune!

Ogni tanto è necessario lasciarsi andare e non frenare i nostri ritmi vitali a favore dei ritmi che ci vengono imposti da una società sempre più esigente e veloce, ma cercare di farli emergere, ascoltandoli e assecondandoli. Per questo è importante dedicarsi a momenti di rigenerazione e benessere che coinvolgano mente e corpo. Massaggi, yoga, pilates, olistica e meditazione sono sicuramente tutte pratiche da provare, in quanto vengono associate alla ricerca di un equilibrio che metta in connessione la nostra parte fisica con quella mentale, ma esiste anche molto altro come, ad esempio, i ritiri di benessere.

Che cosa sono e perché se ne parla sempre più spesso?

Innanzitutto, è doveroso sottolineare come il benessere non sia solo un appuntamento dopo una giornata impegnativa, ma si trasformi in molti casi in un vero e proprio evento a cui, stando ai dati che circolano negli ambiti di riferimento, il 47% della popolazione ha preso parte almeno una volta nel corso degli ultimi due anni. Il che ci fa capire come anche il turismo legato al benessere sia cresciuto notevolmente e, naturalmente rispecchi il desiderio di esperienze rigeneranti per il corpo e per la mente, non solo nella quotidianità, ma anche come base di veri e propri viaggi. Secondo i dati del Global Wellness Institute, l’industria del turismo del benessere valeva 639 miliardi di dollari nel 2017 e gli esperti prevedono che raggiungerà i 919 miliardi entro il 2022.

Dalle Americhe agli Stati Uniti, passando per il Sud Est Asiatico, il mondo è pieno di luoghi dove poter vivere e provare l’esperienza di un ritiro di benessere, non importa se gli eventi o le pratiche a cui ci dedichiamo abbiano come base lo yoga, la meditazione o la nutrizione, l’importante è mettersi o mantenersi in connessione con sé.

Concentrarsi sul benessere significa infatti non solo dedicarsi alla cura del corpo in senso sportivo o salutistico, ma anche dedicarsi alla cura del nostro benessere emotivo, perché sappiamo tutti ormai che sono le emozioni che proviamo nel corso della vita a influenzare i nostri punti energetici, i cosiddetti chakra.

 

Ecco allora i ritiri del silenzio in India, dove i partecipanti sono sfidati a prendere un voto di silenzio di 10 giorni: si dice che la pratica aumenti la comprensione di sé e migliori il benessere psichico; o i ritiri in Kayask del Messico, nel corso dei quali i partecipanti percorrono in otto giorni il Golfo della California ammirando la bellezza delle isole di Carmen, ricongiungendosi con i ritmi della natura lontana dal rumore delle città contemporanee.

Se non volete andare troppo lontano, sappiate che anche in Italia non mancano le occasioni per ricercare il benessere di cui parliamo.

Da vecchi monasteri trasformati in retreat resort dedicati a corsi di yoga e meditazione che possiamo incontrare in Puglia, al cuore degli Appennini Liguri, tra boschi di castagno e campi coltivati, nel centro di un parco rurale votato alla filosofia olistica, sono tantissime le esperienze che si possono vivere lungo tutto lo stivale incontrando i migliori maestri internazionali di yoga e meditazione, seguendo seminari di cucina biologica, tecniche di mindfulness, souldrama, filosofia e astrologia: non vi resta che prendervi qualche giorno di ferie e ritirarvi nel silenzio della natura per scoprire quale delle tante opzioni presenti sul mercato sia ideale per il vostro benessere.

Benessere